IL FILM

SINOSSI

Attraverso le immagini e i suoni originali dei materiali dell’Archivio Luce, si sviluppa una riflessione sui meccanismi della fabbrica del consenso istituita dal fascismo. Come il regime preparava ragazze e ragazzi a essere buoni cittadini fascisti, costruiva l’immagine di una nazione decisiva nel mantenimento degli equilibri internazionali, glorificava il capo e il suo pensiero.

CAST

Regia: Marco Bechis

COLLEZIONE

CURIOSITÀ SUL FILM

EPISODI

PREMI E FESTIVAL

28° Torino Film Festival

RASSEGNA STAMPA

"Chi pensa che la costruzione del consenso e il culto del leader attraverso i media siano un'invenzione recente [...] per ricredersi deve guardare Il sorriso del capo." La Repubblica

"Non è in terza persona, ma parla di noi. Del populismo e dei suoi meccanismi, dell'acritica ascesa di un dittatore e di come immagini e tecnologia [...] potessero sostenere e abbracciare un progetto di dominio." Il Fatto Quotidiano

"Racconta questo rapporto di amore pazzo e totale tra gli italiani e il Duce per raccontare tutti gli altri rapporti diretti e carnali tra la plebe osannante e il Capo." Corriere della Sera

"Ecco dunque pezzi di cronache quotidiane, che messi l'uno dopo l'altro in una sequenza vertiginosa [...] finiscono per rivelare come un progetto di modernità possa entusiasmare le masse." L'Espresso

CONSIGLIATO PER LE SCUOLE

EDIZIONE NOLEGGIO DIGITALE

DURATA
74'

EDIZIONE VENDITA DIGITALE

DURATA
74'

FOTOGALLERY

Il sorriso del capo
Il sorriso del capo
Equalizzatore