Ciao Comandante Koenig!

Triste weekend che ha portato via anche Martin Landau, protagonista di Spazio 1999 e premio Oscar per Ed Wood.

Ciao Comandante Koenig!

news del 17/07/2017

Weekend triste questo, che ci ha lasciato orfani oltre che del padre degli zombi, George A. Romero, anche di Martin Landau, scomparso per le complicazioni di un arresto cardiaco all’età di 89 anni.

DA VIGNETTISTA AD ATTORE

Nato a Brooklyn e figlio di immigrati austriaci di origine ebraica, Martin Landau aveva iniziato a lavorare a 17 anni al New York Daily News come vignettista e illustratore. Ma la sua vera passione era la recitazione, tanto che nel 1955 tenta l’esame di ammissione per entrare all’ambitissimo Actor’s Studio insieme ad oltre 2000 partecipanti: solo lui e Steve Mc Queen riusciranno ad essere ammessi. Una delle sue prime apparizioni cinematografiche sarà in Intrigo internazionale (1959) di Alfred Hitchcock; nel 1957 sposa l’attrice Barbara Bain con la quale condividerà il set del primo film tv a dargli visibilità, Missione impossibile. A breve un’altra serie TV lo renderà famoso: Spazio 1999 dove interpreta il comandante Koenig, capo della base lunare “Alpha”.

QUANDO INTERPRETO’ BELA LUGOSI E VINSE UN OSCAR

Nonostante il successo in TV e alcuni parti minori in film come Meteor (1979) di Ronald Neame,  al cinema Landau sarà lanciato solo a fine anni ’80 con una serie di interpretazioni memorabil: Crimini e misfatti di Woody Allen (1989), Amanti, primedonne di Barry Primus (1992) e soprattutto Ed Wood di Tim Burton, dove interpreta Bela Lugosi e si guadagna un Oscar come attore non protagonista (il regista lo vorrà anche ne Il mistero di Sleepy Hollow in un cammeo). Nel 1998 sarà diretto da John Dahl ne Il giocatore – Rounders, mentre nel 1999 prenderà parte alla commedia di Ron Howard Ed TV (1999) e nel 2000 sarà in Shiner di John Irvin.

Nel catalogo CG Entertainment trovate tutti e 4 i film tratti dalla serie Spazio 1999 pubblicati in DVD da Pulp Video:

Spazio 1999: Oltre lo spazio-tempo

Spazio 1999: Attacco alieno

Spazio 1999: Destinazione Base Lunare Alpha

Spazio 1999: Cosmic Princess

Google+ tweet Condividi su facebook
Condividi su: