L'amore molesto per la prima volta in Blu-Ray

Lucky Red porta in Blu-Ray la versione restaurata del film di Martone tratto dall'esordio di Elena Ferrante

L'amore molesto per la prima volta in Blu-Ray

news del 20/11/2018

A pochissimi giorni dalla messa in onda della serie L'amica geniale diretta da Saverio Costanzo su Rai Uno, un altro titolo porta nuovamente alla luce l'opera di Elena Ferrante sul grande schermo.Lucky Red è orgogliosa di presentare  in Blu Ray la nuova versione restaurata de L’Amore Molesto, il film diretto da Mario Martone, tratto dal romanzo di esordio di Elena Ferrante, la misteriosa autrice di grandi successi come I giorni dell’abbandono e L’amica geniale. L’edizione (distribuita da CG Entertainment per Mustang Entertainment) comprende un booklet da collezione contenente l’epistolario completo tra Mario Martone ed Elena Ferrante sulla sceneggiatura del film.

Per questa edizione è stata realizzata un’intervista esclusiva di Fabio Ferzetti a Martone (23 minuti) in cui si approfondisce il tema del restauro in 2k, che è stato eseguito da Lucky Red in collaborazione con 64BIZ e Augustus Color: rispetto alla versione cinematografica del 1995, le parti del passato sono state riportate al bianco e nero, così come le aveva immaginate il regista in fase di sceneggiatura originale, ma successivamente modificate e trattate con una decolorazione. La versione restaurata è stata presentata in anteprima al pubblico alla 13ma Festa del Cinema di Roma 2018.

Il comparto dei contenuti speciali curato interamente da Fabio Ferzetti è arricchito anche da: Intervista a Mario Martone (25 min); Intervista a Anna Bonaiuto (18 min); Intervista a Andrea Occhipinti (5 min); Sul set de L’Amore Molesto (10 min); Speciale Cannes 1995 (5 min); Trailer.

Nel catalogo CG Entertainment è recentemente approdato, grazie a Mustang Entertainment, anche I giorni dell'abbandono di Roberto Faenza, tratto dall'omonimo, secondo romanzo della misteriosa scrittrice Elena Ferrante, la cui figura il documentario Ferrante Fever di Giacomo Durzi di tenta di indagare. 

Google+ tweet Condividi su facebook
Condividi su: