Burning di Lee Chang-dong: "Un film di rabbia e mistero."

Scopri di più sul film!

Burning di Lee Chang-dong:

news del 09/10/2020

BURNING – L’amore brucia di Lee Chang-dong è a noleggio ed in vendita digitale su CG Digital.it!

LA STORIA Jongsu, un giovane fattorino con aspirazioni letterarie, incontra Haemi facendo una consegna. I due iniziano a frequentarsi e la ragazza, prima di affrontare un viaggio in Africa, gli chiede di occuparsi del suo gatto. Jongsu accetta, ma quando Haemi ritorna non è più da sola: ha conosciuto Ben, tanto ricco quanto misterioso, e ora sta per conoscerlo anche lui. Niente sarà più come prima...

 

MURAKAMI E LA RABBIA GIOVANE  Il film, diretto dal sudcoreano Lee Chang Dong, è tratto dal racconto breve di Haruki Murakami dal titolo Granai incendiati. Dalle parole dello stesso Lee Chang-dong: “Dopo aver letto il racconto di Murakami […] non ho potuto fare altro che essere d'accordo con lui: c’era qualcosa di fortemente cinematografico nell’aria misteriosa di quella storia. Un mistero che poteva essere moltiplicato, cinematograficamente, su più livelli. Il mondo in cui viviamo, del resto, è diventato misterioso: noi sentiamo che qualcosa non va, sotto la superficie sofisticata e funzionante della modernità, ma il mondo non è in grado di spiegarci cosa. Sembra quasi di trovarsi di fronte a un gigantesco puzzle e le persone, indipendentemente dalla nazionalità, dalla religione o dallo status sociale, sono piene di rabbia. I giovani, soprattutto. Non trovano risposte nel presente e, appunto, non riescono a identificare un obiettivo su cui concentrare la propria rabbia, sentendosi impotenti. Burning è un film di rabbia e di mistero.”

 

YOO AH-IN è JONGSU

Aveva sicuramente già lasciato il segno con film come Veteran, The Throne e Tough As Iron, ma è con Burning che Yoo Ah-in, attore pluripremiato del cinema e della televisione, ha raggiunto la sua vetta. Un personaggio complesso, quello del giovane Jongsu, dentro cui Yoo Ah-in si è immerso davvero completamente: più che un’interpretazione, come dice lui stesso, «una rinascita», frutto del costante e serrato confronto-scontro con il regista.

 

STEVEN YEUN È BEN

Steven Yeun, oltre ad essere famosissimo per aver interpretato per sette stagioni Glenn Rhee in The Walking Dead, ha preso parte anche a serie come The Big Bang Theory e Law and Order, oltre ad essere uno dei protagonisti di Okja, il fantasy diretto dal regista premio Oscar® per Parasite Bong Joon-ho. Per il ruolo di Ben in Burning ha vinto il National Society of Film Critics Award come migliore attore non protagonista.

 

JUN JONG-SEO È HAEMI

Talento emergente del nuovo cinema coreano, Jun Jong-seo è stata scoperta e lanciata proprio da Lee Chan-dong con l’indimenticabile Haemi di Burning. Un debutto davvero notevolissimo, tanto da essere selezionata dall’Hollywood Reporter fra i “15 International Breakout Talents of 2018”. Attualmente sta lavorando al suo primo film in lingua inglese, Mona Lisa and the Blood Moon, al fianco di Kate Hudson.

 

IL REGISTA: LEE CHANG-DONG

"Il mio cinema è stato influenzato dall’opera di diversi scrittori, artisti e registi. In verità mi è difficile citare i nomi di tutte queste persone, ma se ne dovessi menzionare soltanto uno, direi John Cassavetes". Nato nel 1954 a Daegu, in Corea, Lee Chang-dong ha iniziato la sua carriera prima a teatro e poi nella letteratura, diventando uno degli scrittori più in vista della sua generazione. Il suo approdo al cinema avviene grazie all’intervento del suo amico regista Park Kwang-su, che lo vuole al suo fianco come sceneggiatore e aiuto-regista per L’Ile Etoilée. Con il noir atipico Greenfish debutta alla regia, ma è con Peppermint Candy, e soprattutto con Oasis che ottiene il consenso della critica e del pubblico. Oasis varrà a Lee e alla sua attrice protagonista Moon So-ri i premi per la miglior regia e per la migliore interpretazione femminile alla Mostra del Cinema di Venezia. Dopo una pausa di alcuni anni per essere diventato Ministro della Culutra e del Turismo nel 2002, torna al cinema con Secret Sunshine presentato in competizione ufficiale al Festival di Cannes nel 2007 (l’attrice protagonista, Jeon Do-yeon, vince il premio per la migliore interpretazione femminile). Nel 2010  realizza il capolavoro Poetry, per il quale ottiene il premio per la Migliore Sceneggiatura al Festival del cinema di Cannes.

tweet Condividi su facebook
Condividi su: